domenica, gennaio 04, 2009

Non può essere mai come ieri

Come ogni buon blog che si rispetti, vado a salutare il 2008 con la riproposta di ciò che di meglio ci ha regalato quest'anno.
Ah, caro 2008, quanto ci mancherai. Certo, hai avuto anche tu i tuoi momenti di stanca, i tuoi errori, le tue brutte figure. Quante volte ci hai fatto pensare "no, non è proprio il tipo di anno che mi aspettavo che fosse", o "questo 2008 non è all'altezza del, che so, 1956", o anche "è stato un aprile di merda"; ma, credimi, ci mancherai, ora che non ci sei più.
Film più bello visto nel 2008.
Un flebile anacoluto, di T. Visagisti, con K. R. Stuart, V. Bruni Tedeschi e altra gente che non mi ricordo.
Lui è un quarantenne in crisi. Lei anche. Lui fa un lavoro poco stimolante, tipo il pubblicitario per la Dolce Euchessina. Lei ha che fare con persone problematiche, tipo Silvio Muccino. Vivono in un condominio, e i vicini sono dispettosi. La figlia vorrebbe isciversi a farmacia, ma c'è il numero chiuso. La macchina ha un problema al carburatore, e il meccanico è in ferie.
Ma poi, una mattina, suonano il campanello, lui va ad aprire e...niente, avevano sbagliato.
Il nuovo capolavoro del cinema italiano, passato ingiustamente inosservato da critica, pubblico e passanti.
Libro più bello letto nel 2008
Sindrome scrotosinclastica mortale, di Mike Raperunzel.
Un misterioso killer terrorizza la città, uccidendo chiunque sia disposto ad ascoltare il racconto delle sue ferie a Pinerolo. Le vittime vengono ritrovate orribilmente mutilate, con i testicoli esplosi dalla noia. Su questa terribile catena di delitti viene chiamato ad indagare Nick Othon, il celebre detective sordo.
Un thriller ad altissima tensione, dallo stesso autore di "Abbassa la musica per favore".
Disco più bello ascoltato nel 2008.
Gangsta Bloody AssassiNation, dei Terrible Soundtrack.
Un album che ha ricevuto, da parte del pubblico, minore considerazione di quanta ne avrebbe meritata, che riporta il gruppo di Waco agli antichi fasti. Se il primo brano, That Little Flowers Bouquet, non è altro che la riproposizione in chiave techno di un oscuro canto alpino (con tanto di campionamento elettronico di campanacci di mucche), è con il secondo brano, Farewell My Beauty, che avvertiamo una forte rilettura dei temi classici del gruppo: una base ritmica continua, l'uso creativo dei cori, un riff ben modulato e il finale esplosivo chiariscono quale dovrebbe essere, secondo i ragazzi texani, la direzione che dovrebbe prendere il rock al giorno d'oggi. Degne poi di nota Black Lil' Face, con un ardito mix di sonorità tribali e mandolini, e Ol' Boot, sul tema del tempo che passa e quasi traccia non lassa. Infine, a conclusione dell'album, la stupenda Oh My Beautiful Lauderette che, con un ritmo ipnotico e vertiginoso, ci parla di temi universali quali amore, sessualità, bellezza e conclude con un'incitazione a combattere i mali del mondo, come la povertà, o a cadere, inerti, a terra.
Spettacolo teatrale più bello visto nel 2008
Carlo Monni legge le poesie di Mario Luzi, con Carlo Monni.
Una scena disadorna, solo una sedia sul palco. Carlo Monni entra e ci si siede. Apre un libro di poesie di Luzi e inizia a leggere. In silenzio. Ogni tanto gira pagina, tira una bestemmia e chiede se qualcuno gli può portare una birra. A volte sbatte il libro a terra, perché le poesie di Luzi gli fanno cacare.
Blog più bello scoperto nel 2008.
Questo.
Senza ombra di dubbio.

16 commenti:

elle ha detto...

il miglior post del 2009

Giorgio Mastrota ha detto...

Complimenti e auguri caro Heike. E grazie per il supporto morale che hai continuato ad offrirmi per tutto il 2008. Sappi che ne avrò bisogno anche nel 2009 (a proposito quell'acqua di Lourdes l'hai già finita?) perché le cose continuano a non andare tanto bene. Avevo chiesto a Babbo Natale un lavoro nuovo, ma non me l'ha portato (forse sono stato cattivo, ma spero ancora nella Befana)
P.S. Ti voglio bene!
Con Affetto
Giorgio Mastrota

Daniel ha detto...

Prima, in una foga di egocentrismo pregno di superbia, volevo scrivere: "Miglior commento del 2008: il mio qui presente". Poi ho letto quello che ha scritto Elle e volevo scrivere che non è valido a Elle che ha scritto quello che volevo scrivere io. Poi però mi sono accorto di aver letto male che lei ha scritto post e non commento e tra l'altro ha scritto 2009 e non 2008. Io in effetti avrei sbagliato tecnicamente, perché il post sarebbe stato scritto nel 2009 mentre il premio si riferiva al 2008, quindi ero fuori concorso. Poi però volevo scrivere a Elle che non è valido dire che questo è il miglior post del 2009 perché comunque è l'unico e per quanto corretta tecnicamente è un'affermazione senza senso logico.

Vabbe'. In realtà il succo del commento doveva essere che per me, leggendo le trame dei capolavori sopra elencati, sembrerebbe che quelli che fanno quei fantastici trailer su MaidireMartedì prendano spunto da queste opere e mancherebbero di originalità.

Speriamo che il 2009 sia pieno di post come questo!

Weltall ha detto...

Ti ringrazio!!!
Ho appena scoperto il blog più bello del 2009 ^___*

faina ha detto...

un blog che meriterebbe di superare quello di Grillo.

gb ha detto...

secondo me "Sindrome scrotosinclastica mortale" non è assolutamente all'altezza di "Abbassa la musica per favore".
comunque ho sentito che franco battiato ci farà un film.

(il blog del 2008 l'hai fatto tu apposta per il post, vero?)

Dante Chianti ha detto...

Mi pregio di offrire - per chi non avesse dimestichezza con la lingua dei popoli anglosassoni - una piccola glossa dei titoli dall'album Gangsta Bloody AssassiNation dei Terrible Soundtrack (aggratisse per Heike):
That Little Flowers Bouquet : Quel mazzolin di fiori; Black Lil' Face: Faccetta nera; Ol' Boot: Vecchio scarpone; Oh My Beautiful Lauderette : Oh mia bella lavanderina.

SunOfYork ha detto...

effettivamente quel blog è veramente geniale, mica pizza e fichi!
sun

Peephee ha detto...

Amo questo blog!
Voi no?

Anonimo ha detto...

no, noi no.
ma poi... mica hai scritto la scopata migliore e blablabla...
sai, la folla è anche sempliciotta e volgare, alle volte.

Heike ha detto...

In effetti parlando con Peephee ieri, mi è stata posta la medesima questione sollevata da gb: quel blog lì, l'ho fatto io, vero?
No.
Giuro, esistono milioni di blog fatti e abbandonati immediatamente (e ce ne sarebbe da dire su questa forma degenerata di territorial pissing).
Davvero, l'ho trovato per caso, non l'ho fatto io.
Ah, e per rispondere all'anonimo qui sopra(che noia gli anonimi, e che noia la loro paura di scatenare flame): può essere, ma io sono snob, a me la folla sempliciotta e volgare non piace.
Yawn.

elle ha detto...

per l'anonimo.
con noi intendevi io e con folla intendevi io? cosa c'è che non hai capito e che ti ha messo in imbarazzo? coraggio puoi parlare, l'ignoranza non è un crimine, la stupidità sì.

Daniel ha detto...

Che figo che è Heike che lascia pubblicati certi commenti!

Attila ha detto...

Dopo aver letto che non ti piace la folla sempliciotta e volgare... mi sento emarginato... come cantava il principe della folla sempliciotta e volgare "Mi si escludeva"...

Cordialità

Attila

Carmelo666 ha detto...

Uè, Buon anno a tutti era tanto che non ci si sentivamo. Anche se però ti leggo sempre e con molto piacere lo stesso. naturalmete questi libri e film sono finti però l'anno scorso ho visto in dvd un film dove c'erano dei testimoni di geova violenti, che rapivano e torturavano le persone (non mi chiedere il titolo che non lo ricordo) e quindi questi film/libri veri o finti che sono ci possono anche stare. giusto?
Un grosso ciao

Mario Luzi ha detto...

Vogliamo il nuovo post!
Vogliamo il nuovo post!