sabato, agosto 09, 2008

Teoria e pratica della citazione

Ah! Grazie alla ricerca scientifica e all'inesausta volontà umana di progredire a discapito delle idee reazionarie di certi che vorrebbero riportare indietro di secoli la lancetta del tempo (papa Ratzinger, Zichichi, Sandra Mondaini, ED!, la società della Terra Piatta,i), ebbene, nonostante la loro inesauribile lotta, la ricerca scientifica di cui sopra ha creato il Nimesulide, e ora mi è passato il mal di denti. Viva la ricerca scientifica. Ora basta che inventano una cosa che mi fa passare il mal di lavoro e sono a posto, posso superare indenne i secoli.
Ma non è per questo che son qui davanti al computer a quest'ora una sera d'agosto, che se fossi un po' più furbo potrei fare cose più sane e dilettevoli (dormire). No, son qui per annunciare che a breve (ma non posso essere più preciso perchè sennò poi magari sbaglio e faccio una figura di merda che metà basta), a breve dicevo (che poi, voglio dire, figura di merda, con chi la faccio questa figura di merda, con voi? Ah ah ah, ma per piacere), a breve (senza offesa gente, è che pensare che ci sia ancora qualcuno che nutre delle aspettative realistiche su quello che faccio, annuncio e dico mi fa scompisciare, ah ah ah).
Beh?
No, dico.
Cosa?
Posso continuare?
In che senso?
Posso continuare o devo fare ancora il simpatico a lungo?
Ho qualche problema? Ehi amico, dico a me?
Si, dico proprio a me. Posso continuare a raccontare quello che stavo dicendo o devo ancora fare qualche altra insensata interruzione?
Prego.
Grazie. Allora, stavo dicendo...
Che permalosino.
EBBASTA!
...
Allora, stavo dicendo che a breve, con tutti i distinguo del caso, partirà una nuova rubrica nella quale confido molto. Dal lontano Jappone, Urakidany ha deciso di renderci partecipi delle difficoltà, sofferenze e mostruose atrocità che concernono la vita di un italiano emigrato nella terra del Sol Levante. Non perdetevi assolutamente questa nuova avventura, o verrò a cercarvi a casa uno per uno.
Ma non finisce qui: ispirardoci al sommo Bordone, abbiamo deciso di avviare una specie di Jappone for dummies: avete curiosità, domande, dubbi sul Giappone o sui giapponesi? Volete conoscere il modo giusto per fare il sushi, volete imparare le regole del sumo, intendete scoprire cosa i giappi pensano di Mastella? Urakidany risponderà, nei limiti della sua onniscenza, a tutte le domande che invierete a blogottuso@gmail.com o che lascerete nei commenti, eventualmente. Non perdete l'occasione di ridurre la vostra abissale ignoranza sulle cose del mondo, domandate, e vi sarà aperto (o qualcosa di simile)!

Nell'immagine: Osamu tezuka, sempre sia lodato

8 commenti:

Ed! - the webcomic ha detto...

AHAHAHahahhah
molto divertente 'sto pezzo
hehehehehhe
ahahahha
(poi facciamo i conti)
ahahahahhahaha

ohohohohoh

eheheheheh

(sì sì, dico a te)

ahahha
AHAHAHAAHAHHAAH

(mettermi nella stessa parentesi assieme a Catzinger...tsè)...

ahahha
ok basta.
;)

gb ha detto...

ma perchè ce l'hanno tutti co 'sto Jappone?
Io non son manco stato mai a Milano...

Weltall ha detto...

Già mi piace questa nuova rubrica ^__*

P.S.: sempre sia lodato (Osamu Tezuka)

Bruant ha detto...

Grazie Heike, ho sempre sognato una rubrica sul giappone, parteciperò con entusiasmo.

Watkin ha detto...

L'unica volta che ho chiesto a qualcuno se è vero che i giapponesi ce l'hanno piccino è stato ad una ragazza che mi ha risposto di no, ma il fatto che nella sua vita fosse stata con solo un ragazzo e questo fosse giapponese penso falsi la percezione della cosa... Non è il caso di ripetere la domanda in questa sede, vero?

-harlock- ha detto...

Uh, ma và?
M'interessa sta rubrica, assai.
Non tanto per la ricetta(?) del sushi, più che altro per cose del tipo:
ma il giappone è in giappone?
se andate a cena da un giapponese che è appena tornato da una vacanza a che ora partono le diapositive?

(Ah, pure a me m'ha fatto scompisciare sto post.
E' che è lunedì ed è la settimana di ferragosto e il pessimismo cosmico l'ha avuta vinta uguale)

Jacopo ha detto...

Perchè i giapponesi in Italia fotografano tutto? Anche le cose inutili.

Artemisia ha detto...

Sì, mi interessa proprio sapere cosa pensano i giapponesi di Mastella. Non vedo l'ora di scoprirlo.
Heike, ci sono altre cose più sane e dilettevoli da fare in una sera d'agosto oltre che stare davanti al computer e dormire, sai?