giovedì, novembre 08, 2007

Necrologio per coso, lì.

E così, è successo.
Te ne sei andato.
Sei morto nello stesso modo in cui hai vissuto la tua vita: discretamente, in silenzio, con garbo ed eleganza.
Il tuo volto familiare, da nonno bonario, la tua voce pacata, l'accento tipico delle tue terre, tutto ti rendeva così familiare al cuore di tutti noi, vicino, ma vicino mai abbastanza, come tutti i nonni, che non sai cosa pensano veramente.
E gli ultimi anni della tua vita, funestati da un ostracismo inconcepibile per una persona del tuo talento, della tua competenza, della tua statura morale.
Ti veniva impedito di lavorare.
Ti veniva impedito di fare ciò che avevi fatto tutta la vita.
Ti veniva impedito di entrare nelle case degli italiani.
Ti veniva impedito di fare il tuo mestiere, a te, che l'avevi insegnato a tanti.
Quanto dovremo sentirci in colpa, da adesso in poi, per non averti dedicato la giusta attenzione?
Quanto dovremo rammaricarci per la nostra stolta indifferenza?
Chi ci restituirà gli anni della nostra giovinezza, quando ci facevi commuovere, ridere, appassionare?
Forse adesso che sei nei luoghi dell'altrove, potrai mandarci altri messaggi che ci scalderanno il cuore, e lo farai attraverso i nostri ricordi.
I nostri ricordi di te.
Si, non ti scorderemo mai, grande, immenso, unico, Renzo Biaggi.

6 commenti:

Eli. ha detto...

Da dove ti viene questo dentino avvelenato?Non è che Elle ti ha morso sul collo?

Heike ha detto...

Quando mi mordo la lingua è un casino...;-)

makkox ha detto...

hehehe
(cosìììì)
...
eppoi lo sappiamo che spiace sul serio.

M.

Limone ha detto...

Sei stato più perfido di me!!!!

Heike ha detto...

@ Mak: lo sai che sapevo avresti apprezzato? Sei proprio una merdaccia.
;-P

@ limone: forse, ma sicuramente tu sei stato più acido.
Limone, acido, capita? Son troppo divertente.
No, il limone è acido, no, capita? Come sapore, intendo. Agro? Chi ha detto agro? Ma agro e acido è la stessa roba, dai...non date mai soddisfazione, mai...

Spyro ha detto...

Perchè non l'hai mandato come necrologio a un giornale?