giovedì, ottobre 19, 2006

Cose che non c'entrano niente (e che non importa sapere)

Il disastroso incendio dell'Hindenburg mise per sempre fine all'epoca del volo tramite dirigibile. Da allora in poi chi voleva attraversare l'atlantico doveva farlo come tutti, a nuoto e reggendo una pallina rossa sul naso.

Il settimo faraone della quindicesima dinastia egizia fu assassinato dal suo erede, che voleva diventare l'ottavo, ma non ci riuscì perchè fu ucciso dal dodicesimo, che aveva nel frattempo ammazzato il nono, il decimo, l'undicesimo e, per sicurezza, anche il tredicesimo.

Il polimeriorasio è un minerale che al contatto col fuoco si spaventa tantissimo e si nasconde sotto il letto. Inoltre quando lo invitate a cena rimane fino a tardi e non se ne va finchè non gli spengete e accendete in maniera intermittente la luce della stanza.

I 725 abitanti del comune di Zoppio (TF) si chiamano tutti Alvaro Giaussi, anche le donne.

Durante la tradizionale Fiera del Crepaccio, i sedici rioni in cui si divide il piccolo comune di Sant'Angelo Anfibio (UP) si sfidano nel celebre Palio del Lancio: in sostanza si tratta di caricare su grandi fionde meccaniche (ricostruite nei minimi dettagli sulla base di progetti del grande genio medievale Oppido Lacustro) un celebre personaggio televisivo, e lanciarlo nel vicino orrido profondo circa 125 metri, in fondo al quale scorrono le limpide acque del fiume Veleno. Madrina della manifestazione di quest'anno sarà la simpatica Maria de Filippi.

2 commenti:

kermit ha detto...

Esimio dottore,
avrei due domande per lei, in realazione all'ultima notiziuola:

1) E' possibile partecipare al celebre Palio del Lancio anche se non residenti nel comune di Sant'Angelo Anfibio (UP)? La manifestazione sembra interessante.

2) E' mai successo che, per sbaglio, fosse caricata su una grande fionda meccanica, così meticolosamente ricostruita, la madrina della manifestazione? Così, per sapere.

Distinti saluti e complimenti per il blog!

Accakappa ha detto...

Certo che si può partecipare, a patto di portare con sè un piccolo dono floreale da gettare nel crepaccio a seguito del lancio. E no, non è mai successo che la madrina sia stata caricata sulla fionda per sbaglio. E' sempre stato fatto intenzionalmente.
Grazie!